• (+39) 051 0185152
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il nostro blog

Scopri cos'è il gas Radon, com'è distribuito, cosa provoca, come misurarlo e come difendersi

TG2 Italia dedica un servizio al problema Radon: "La soluzione arriva da una startup italiana"

tg2itaiaokLa puntata del 3 aprile 2019 del TG2 Italia ha dedicato un ampio approfondimento al problema del gas Radon, alla sua diffusione in Italia e ai rischi per la salute dei cittadini. Presenti in studio Francesco Violo, segretario del Consiglio nazionale geologi, ed Alessandro Miani, presidente della Società di medicina ambientale. “Incolore, inodore, presente nel suolo e nelle rocce, prodotto dal decadimento radioattivo dell’uranio, si disperde facilmente nell’aria ma può diventare pericoloso in luoghi chiusi e poco ventilati: è il gas Radon. Per l’Organizzazione mondiale della sanità è la seconda causa di tumore al polmone: in Italia 3.200 morti all’anno sono attribuibili a questo gas, il 10% dei decessi polmonari. Emerge spontaneamente dal terreno e può penetrare da fessure nel pavimento. Lazio e Lombardia le Regioni a maggiore concentrazione: il primato va alla città di Viterbo, uno dei centri medioevali più estesi d’Europa costituito in larga parte in tufo, materiale che può sprigionare gas Radon ad alta concentrazione”.


tg2italiabisCome facciamo a capire se nelle nostre case ci sono queste sostanze? "Esistono dei sistemi di monitoraggio, uno in particolare è stato lanciato da una startup italiana, in grado di monitorare sia la quantità di Radon indoor, sia le polveri sottili". “Non dimentichiamo che il Radon è un gas naturale che può diventare pericoloso per l’organismo umano, ma anche per gli animali, soprattutto se associati alle polveri sottili. Esso si lega alle fibre di polvere le quali, una volta inspirate, si fermano nei bronchi, bronchioli e alveoli polmonari, consentendo al Radon di arrivare al punto di decadimento e di liberare le sue radiazioni”.

 

 

Clicca per il servizio completo del TG2 – Italia (Minuto 40).


La risposta definitiva al problema del Radon è data da Radoff LIFE, un dispositivo nato con l’obiettivo di abbattere i rischi generati dal Radon, ‘ripulendo’ l’aria che respiriamo tutti i giorni in casa o al lavoro. In commercio esistono già dei prodotti, come le barriere anti – Radon, che però sono pensate esclusivamente per edifici di nuova fabbricazione. La principale innovazione di Radoff LIFE è data dal fatto che esso offre una risposta anche per edifici già esistenti, senza rendere necessari costosi interventi di ripavimentazione: bastano pochi minuti per installarlo e attivare così un efficace scudo contro il pericoloso gas.

life logo 300 Una vera e propria rivoluzione, tenuto conto che le attuali politiche urbanistiche vanno contro il consumo di suolo, offrendo incentivi a chi restaura e riqualifica l’esistente. Per creare Radoff LIFE abbiamo coniugato fluidodinamica, termodinamica ed ingegneria chimica con intelligenza artificiale, Big Data e IoT; creando un device phygital. Ci siamo avvalsi inoltre di importanti collaborazioni tra università, centri di ricerca e società innovative che hanno creduto in noi. Il dispositivo misura inoltre altri parametri ambientali quali temperatura interna, umidità dell’aria, ossigeno e manda un segnale d’allarme in caso di eventuali fughe di gas.
A livello nazionale e comunitario esistono aziende che producono dispositivi di monitoraggio ma che non sono in grado di eliminare il gas Radon dagli edifici.
Per quanto riguarda la difesa e il contrasto del gas, uno degli strumenti più diffusi sul mercato è costituito dalle barriere anti – Radon: di origine bitumosa, vengono installate sotto le fondamenta delle case o sotto i pavimenti.

RadOff Life.102Hanno degli elevati costi di installazione e non sono adatti ad edifici già esistenti.
Rispetto ai prodotti già presenti sul mercato, i vantaggi della gamma di dispositivi Radoff risultano essere due: 1) svolgono una doppia funzione: da un lato garantiscono il monitoraggio costante e in tempo reale dei livelli di Radon nell’ambiente, dall’altro sono in grado di avviare un’azione di bonifica completa non appena la concentrazione supera il limite consentito dalla Normativa (EURATOM 2013/59), eliminando il gas in ambienti chiusi fino a 70 mq ma anche ripulendo l’aria da PM10 e PM 2.5; 2) si adattano perfettamente ad edifici già esistenti (anche grazie alla sua facilità di installazione) e non richiedono costosi interventi di ripavimentazione o ristrutturazione.
Ma non c’è soltanto RADOFF LIFE: i nostri esperti hanno messo a punto un algoritmo proprietario, Radoff MAP, che permette di creare mappe potenziali del rischio del gas Radon; inoltre abbiamo reso portatile la tecnologia di LIFE, creando Radoff SENSE: un misuratore innovativo per il gas Radon.